Profumo di Pesca e i “Cattivi pensieri” di Susanna Schimperna: La rivoluzione sensata o manuale per la felicità

http://ilnapoletano.org/2014/12/la-rivoluzione-sensatamanuale-per-la-felicita/#comment-1689

La rivoluzione sensata
Manuale per la felicità

di Luisella Pescatori

Natale si avvicina e si dice “siamo tutti più buoni” ma siamo sicuri che la bontà tout court è ciò che davvero vogliamo e ci serva?

“Cattivi pensieri” di Susanna Schimperna, edito da Castelvecchi, è il libro della rivoluzione sensata per l’evoluzione animica o la conquista  di una vita serena. Tutt’altro che cattivi, i pensieri di Susanna Schimperna sono il manuale di sopravvivenza civile, sono la miccia per la ribellione contro lo stallo emotivo, in cui l’uomo si è adagiato, infilandosi nei circoli viziosi dell’infelicità.

1969321_731970843566361_5677912923105313339_n

L’eleganza del pensiero libertario e schietto dell’autrice è il filo conduttore dei 23 capitoli che vanno respirati con lucidità. Niente è ovvio, nulla è banale, è un libro che non concede sconti e ci chiama tutti in causa. Ed invoca il buon senso, semplicemente.

Cattivi pensieri – appunti e metodi per lo studio della felicità – è uno scritto “furioso senza alcuna rabbia” così Susanna Schimperna ci introduce e ci dirige attraverso riflessioni su vari temi: politica, solitudine, rapporti umani, depressione, verità, coscienza, eros e amore, ne scrive con cognizione di causa, con consapevolezza e mai per sentito dire. È tagliente e fredda come una lama ma rassicurante come una luce che orienta nel buio.

Un libro che scuote e che avvolge. Coinvolge. Un libro che consiglierei per la lettura e la discussione anche nelle scuole superiori. Un manuale di educazione civica, per intenderci. Se l’uomo fosse in grado di compiere la rivoluzione dentro di sé sarebbe nel pieno possesso della felicità. Ma siamo nella decadenza di pensiero.

Un capitolo è dedicato a Roma, la sua città, come esempio di storia e urbanistica o metafora di un fallimento: quello della coesistenza, della continuità della giustapposizione, o di un disamore quello perpetuato nell’indifferenza generale, che conduce al distacco e all’isolamento.

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU Profumo di Pesca, la mia rubrica on line 🙂

http://www.ilnpaoletano.org diretto da Gianpaolo Santoro

Annunci

Milano #savethedate! Gli appuntamenti di Profumo di Pesca. Riflettori su:

DICEMBRE: CANZONI, CABARET E YOGA DELLA RISATA

EVENTI

  6 DICEMBRE ore 21,00 CABARET E RISATE

15 DICEMBRE ore 19,00 BENESSERE E IDEE REGALO

Nel dettaglio:

  • 6 DICEMBRE ore 21,00 RENATO CONVERSO IN TEATRO – CABARET MUSICA E RISATE
    “ROSSANO CIRCUS EXPRESS” di e con Renato Converso. Con Aco Bocina
    Auditorium Don Bosco di Via Melchiorre Gioia 48 –  dalle ore 21,00 alle 23,30

“Rossano Circus Express” è l’attesissima performance di Natale, firmata Renato Converso, è uno spettacolo nuovo, una kermesse di risate, canzoni e musica, un viaggio attraverso le tappe salienti della vita dell’istrionico cabarettista di Rossano Calabro che, per esigenze di spazio e di scena, lascia la storica pedana di via Mortara e approda al palco dell’Auditorium Don Bosco di Via Melchiorre Gioia 48 – Milano,  il 6 dicembre pv dalle ore 21,00 alle 23,30.

Un one man show musicalmente diretto dal M°  Aco Bocina mandolino e chitarra e dai Maestri della Penta Music Gipsy Band composta da Fazio Armellini, fisarmonica e chitarra, Francesco Grigolo, tromba, Carlo Chiaravalli, basso e Roberto Botturi, percussioni, e con la straordinaria partecipazione del Coro Col Hakolot della comunità ebraica di Milano.

Le prevendite sono aperte presso la Corte dei Miracoli, in Via Mortara 4, il venerdì e il sabato (prima e dopo gli spettacoli delle 22.30), ed in settimana, previo appuntamento telefonico, allo 02.89402405oppure al 333 3283212. I posti sono limitati.

  • 15 DICEMBRE ore 19,00 BENESSERE+ RISATE
    “YOGA DELLA RISATA + RILASSAMENTO COMICO” di e con Luca Maghernino e Luisella Pescatori
    Associazione Rosy’s Angel Via Privata Caccianino 5 – Milano – MM2 Piola – ore 19,00
    Biglietto 10 euro

“Dopo un viaggio mistico alla ricerca della risata perduta, Luca Maghernino torna in Italia con una grossa verità: vai in MACHU PICCHU e torni a casa più macio e meno picio. Molto bene, molto bene, yeah!”
Il 15 dicembre 2014 ore 19,00 presso associazione Rosy’s Angel via Privata Caccianino 5 – Milano – MM2 Piola un nuovo rinnovato appuntamento con lo YOGA DELLA RISATA + RILASSAMENTO COMICO. Luca Maghernino sempre attento alle nuove tendenze del mondo olistico e meditativo, porta in Italia , dalla Terra degli Inca, il risultato della sua personale esperienza intimistica, per perpetuare i benefici psicofisici dello Yoga della risata.

Sarà possibile, in quella sede, acquistare le tessere abbonamento, idea regalo di Natale:

  1. Pacchetto Light: 3 sessioni di yoga della risata + rilassamento comico a  25 euro (utilizzabili da Gennaio 2015 a Maggio 2015)
  2. Pacchetto Premium 5 sessioni di yoga della risata + rilassamento comico a 40 euro (utilizzabili da Gennaio 2015 a Maggio 2015)

Per info e prenotazioni scrivere a emporioartistico@artlover.com o  dincertimr@gmail.com oppure contattare su FB Rosa Maria D’Incerti o Luisella Pescatori.

C’è posta per te

Profumo di Pesca, profumo di parole perdute…

C’è posta per te
Umanizziamo il carcere

 di Luisella Pescatori

Una riflessione  sul tema assai dibattuto della carcerazione ed in modo particolare su uno degli aspetti che più aggrediscono l’animo dei detenuti: cioè il senso di abbandono, una violenza psicologica perpetuata con il contributo dell’intera società indifferente. lettere-1Il carcere è una cella, un microspazio promiscuo, angusto, inospitale e affollato dove il vocabolo intimità viene immediatamente abolito da ogni dizionario. Un dizionario mutilato di tutte le voci più soavi e belle del linguaggio degli uomini, rese mute, private di ogni suono ed espressione. L’intimità di cui parlo non è quella che si può ricondurre ad una dimensione fisica ma parlo di un’esigenza emotiva nel rapporto fra esseri umani. Si ha bisogno quindi di quei vocaboli che riequilibrino tutto quello di cui si è stati privati. Il carcere è una forma di alienazione mentale vissuta nello spazio infinito dell’attesa, dove i rapporti epistolari hanno un’importanza rituale. Sono il gate di accesso alla vita che ancora pulsa fuori. Sono l’abbraccio costante con gli affetti che restano e resistono al dramma. Eccone una testimonianza:

“Mia piccola cara, mi svegliano verso le 4, le 5. Poi c’è la passeggiata fino alla mia gabbia dove sono da solo e resto 25 minuti all’aria aperta, il che è un favore, contemplo gli uccelli e il cielo e le cime degli alberi tutto lo spettacolo del mondo affascinante dei viventi. Non mi muovo molto perché sono sempre debole e soffro di leggere vertigini. Finita la passeggiata, torno in cella dove aspetto il pranzo. Resto con la testa tra le mani, mi trovo meglio così, penso agli affari miei e anche a pièces teatrali che faccio e disfaccio. Dopo pranzo, se non ho troppo mal di testa, lavoro alla storia delle nostre disgrazie che sto scrivendo. Ecco ben presto la cena e la malinconia del giorno mi casca addosso. Ma posso ancora fuggire dal mio stato “secondo” se si può definirlo così e leggere e scrivere un poco.”

Leggi tutto l’articolo su Profumo di Pesca la rubrica de Ilnapoletano.org diretto da Gianpaolo Santoro

Giuro, gli occhiali stenopeici funzionano!

vederci chiaro come i bambini

  di Luisella Pescatori

Un aiuto naturale alla vista che si basa sul metodo della ginnastica oculare. Questa ed altre mille novità al Benessere Planet Festival. Auricoloterapia e massaggi Tuina. La rigenerazione dell’anima e la danza vibrazionale. (continua su Il Napoletano nella mia rubrica Profumo di Pesca)

Sogno e son desta: diamo Sanremo a Ranieri

Mettiamo il festival nelle sue mani, la rassegna di colpo acquisterebbe uno spessore diverso. Sarebbe l’elogio della canzone italiana.
#vogliamoranieriallaconduzionedelfestivaldisanremo

Scrivere di Massimo Ranieri è come mettere al microscopio molecole biologiche e svelare atomi di me, della mia infanzia, per esempio, quando avevo 4 anni ed il mio mangiadischi arancione riproduceva in loop le sue canzoni, “Erba di casa mia” è la mia preferita con un testo che è pura poesia, direi quasi profetica. O del Teatro. Il mio amore artistico per lui è pura verità ed il mio cuore musicalmente parlando, è tutto napoletano.

[continua su Ilnapoletano.org diretto da Gianpaolo Santoro http://bit.ly/1rlSTR2 ]

Massimo-Ranieri1